Rischio e risoluzione per impossibilità sopravvenuta

Massimo Zaccheo

Muovendo dall’individuazione della rilevanza giuridica della nozione di rischio, l’indagine s’interroga sull’incidenza del carattere sinallagmatico della relazione contrattuale sulla valutazione della disciplina della risoluzione per impossibilità sopravvenuta, la quale mira a preservare l’equilibrio tra le prestazioni programmato al momento del perfezionamento del contratto. Da tale rilievo discendono conseguenze applicative con specifico riguardo al rapporto tra gli artt. 1463 e 1465 cod. civ., all’operatività del principio res perit domino e all’efficacia di pattuizioni volte a limitare o escludere il ricorso alla risoluzione, imponendo alle parti di procedere alla rinegoziazione delle condizioni contrattuali alterate dalla sopravvenienza.

€ 12,50
9788864582160.jpg
febbraio 2021
Pagine 124
Formato cm 14,8 x 21
ISBN: 9788864582160
Categoria: Diritto ed Economia
Collana: Orizzonti

Dello stesso autore

Studi di diritto privato dell’economia

In questo volume sono raccolti studi, editi in tempi e luoghi diversi, frutto di un interesse, colti...

di Massimo Zaccheo

€ 13,00

Nella stessa collana

Riflessioni sullo stato come cultura

Ogni comunità umana può dire di poter riconoscere nelle proprie istituzioni il rifless...

di Fedele Cuculo

€ 11,00

Il viaggio immoto

I migranti viaggiano nello spazio e nel tempo per raggiungere i Paesi di destinazione. Questo &egrav...

di Stefania Tusini

€ 15,00

La valorizzazione dei beni demaniali e il Codice dei contratti pubblici

In questi anni, il “sistema Paese” è stato coinvolto da un incessante processo di...

di Christian Longo

€ 14,00