La linguistica del delitto
Maureen Jennings e il caso di "Poor Tom is Cold", tra formulaicità e traduzione

Federico Pio Gentile

La linguistica del delitto nasce dall’esigenza di attestare la presenza di linguaggi specialistici anche in quei contesti meno settoriali e, anzi, assolutamente popolari, quali alcuni generi letterari. Nello specifico, partendo dal potere mortifero della parola, da sempre evidente, essa si prefigge l’obiettivo di indagare un contesto ben preciso, cioè il poliziesco, esemplificato nel romanzo Poor Tom is Cold (2001) della scrittrice canadese Maureen Jennings. In tal senso vengono osservate le peculiarità formulaiche, stereotipi imprescindibili per la riuscita del romanzo criminale, e linguistico-espressive, capaci di richiamare a sé quelle forme cristallizzate, sintattiche e lessicali portatrici di diversi gradi di specialismo.

Allo stesso modo, in concomitanza con l’analisi linguistica, risulta fondamentale anche lo studio traduttivo e traduttologico delle pagine più significative del giallo in esame, attraverso le quali viene proposta una traduzione capace altresì di permettere un raffronto linguistico specialistico tra il testo di partenza, in lingua inglese, e quello di arrivo, in lingua italiana.

 

casalini_torrossa.jpg

€ 15,50
9788864581415.jpg
agosto 2015
Pagine 130
Formato custom
ISBN: 9788864581415
Categoria: Lingue e Letteratura straniera
Collana: Intersezioni/Intersections

Nella stessa collana

English, but not Quite

The 15 papers collected in "English, but not Quite" analyse the current state of En...

di Oriana Palusci

€ 17,50

Geografie alterNative: scrittrici indigene contemporanee del Canada anglofono

Geografie alterNative analizza i testi di alcune scrittrici indigene contemporanee del Canada anglof...

di Anna Mongibello

€ 15,50

Reti performative

Accogliendo le sollecitazioni degli studi più recenti sulla perfomance, Reti performative si...

di Carmela Maria Laudando

€ 18,00