Informatica giuridica e metodo retorico
Un approccio “classico” all’uso delle nuove tecnologie

Federico Puppo

Che tipo di rapporti sussistono tra diritto e tecnica? È davvero possibile sostenere, come fanno alcuni, che quest’ultima sia “neutra” rispetto alle sue potenziali applicazioni? E ancora: è immaginabile che il ricorso al “metodo retorico”, che affonda le sue radici nella filosofia di Platone e Aristotele, sia uno strumento utile al giurista dell’“era digitale” (per esempio come sistema più efficace per consultare una banca dati)? A queste e altre domande cerca di dare risposta lo studio condotto in questo saggio, mostrando tutta l’attualità del “classico” in un momento di forti cambiamenti per la cultura giuridica. L’obiettivo è quello di contribuire alla fondazione rigorosa del metodo giuridico nel campo dei sistemi informatici – sempre più pervasivi nella concreta prassi forense – nella motivata convinzione che le procedure topico-dialettico-retoriche siano del tutto appropriate a garantire la razionalità dei discorsi che si svolgono nel contesto argomentativo del diritto (e del processo in particolare), anche a tutela della libertà e della dignità di chi in essi sia chiamato ad agire.

 

casalini_torrossa.jpg

€ 12,50
9788864580630-500.jpg
novembre 2012
Pagine 143
Formato cm 14,8 x 21
ISBN: 9788864580630
Categoria: Diritto ed Economia
Collana: Orizzonti

Nella stessa collana

Il viaggio immoto

I migranti viaggiano nello spazio e nel tempo per raggiungere i Paesi di destinazione. Questo &egrav...

di Stefania Tusini

€ 15,00

Un mondo di relazioni

Il libro ripercorre la storia delle idee evolutive, dalla prima formulazione della teoria della sele...

di Franco Giorgi

€ 18,00

Intelligenza Artificiale come Filosofia

“Può una macchina pensare?” Appena formulata, la domanda fondante dell’Inte...

di Giovanni Landi

€ 14,00